Il rapporto segreto

Protagonista del romanzo "Il Rapporto Segreto" di Tom Rob Smith è Leo Stepanovic Demidov un ex eroe di guerra, investigatore dell’MGB (Ministero della Sicurezza di Stato - precedente al KGB), passato dalla milizia e fondatore del Dipartimento Omicidi. Dal suo passato, come da quello di molti altri, ricompaiono figure che vogliono vendetta, che non hanno pace e nemmeno pietà.

Nel 1956 la pubblicazione di un rapporto segreto di Nikita Krusciov che rinnega e denuncia i crimini dell'epoca stalinista appena terminata sembra riaprire per il protagonista un baratro da cui pensava di essere uscito.

Ed è proprio nell'Unione Sovietica post stalinista che il romanzo si sviluppa pur pescando con frequenti flash back nell'orrore del periodo stalinista. Riaffiorano i crimini compiuti da Demidov, riaffiorano i delitti, i soprusi, gli omicidi commessi da un'intera generazione di agenti della Sicurezza.

Tutti si sentono minacciati, Demidov più di tutti. La sua continua ricerca di cancellare il passato, di redimersi (anche con l'adozione di due bambine alle quali ha ucciso i genitori) non serve a nulla ed è proprio questo oscuro passato ed i suoi personaggi che deve affrontare per poter sperare.

Il romanzo riscostruisce un periodo molto preciso dell'Unione Sovietica, ripercorre il primo larvato tentativo di liberarsi del fardello di Stalin, mostra l'imperialismo dispotico dello stato sovietico e termina proprio con la rivolta di Budapest soffocata nel sangue dai russi.

Un romanzo però molto duro, a volte - soprattutto nella caratterizzazione dei personaggi - persino eccessivo. Grandiosa la ricostruzione storica, precisi i riferimenti ed il quadro generale. Meno brillante ed a tratti un po' grossolana la definizione di alcuni personaggi che lasciano perplessi per il loro evolvere nel corso del racconto.

Complessivamente un romanzo interessante da leggere prestando attenzione ai riferimenti storici ed alla ricostruzione drammatica dell'epoca. Non nascondo che qualche perplessità però la trama del romanzo e, come già detto, certi personaggi la suscitano.

Pubblicata su Ciao.it: 09/03/10
Pubblicata su Libri e Libretti: 02/04/10

1 commento:

  1. Uhm..sono invidiosa di questo blog..spoglio (anche della grafica antiqua devo dire..)!

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails