Il mugnaio urlante

Kunnari Hutunnen è un po' strano. Arrivato dal Sud nel villaggio del nord della Finlandia si è comprato un vecchio mulino e mentre lo ristruttura fornisce anche un po' di legname agli abitanti. Non è cattivo, almeno non sembra, e gli abitanti sopportano quel suo stare sempre da solo oppure il suo radunare i giovani del villaggio in lunghe serate di racconti con imitazioni di animali e persone. Però Hutunnen quando è di cattivo umore si lascia andare ad ululati terribili che spaventano tutti: animali e persone.

Per di più l'umore di Hutunnen tende a peggiorare sempre di più, nonostante l'arrivo della consulente orticola Sanelma Kayramo che gli fa impiantare un bellissimo orto.

Il medico del villaggio dapprima sembra volerlo aiutare poi lo dichiara pazzo, i commercianti si rifiutano di vendergli le merci, la situazione peggiora. Hutunnen ulula sempre di più e gli abitanti del villaggio non lo sopportano.

Viene dichiarato pazzo e spedito forzatamente al manicomio della città vicina. Un manicomio in cui il medico curante sembra più pazzo dei malati ma in cui trova un amico, Happola, internatosi volontariamente per sfuggire alla guerra anni prima ma mai riuscito poi ad uscirne legalmente.

Grazie ad Happola, Hutunnen fugge dal manicomio e torna al villaggio ed al suo mulno rosso. Al villaggio però di pazzi non ne vogliono, così Hutunnen deve darsi alla fuga e nascondersi fino a cominciare una vera e propria vita da eremita nei bellissimi boschi intorno al villaggio.

Si costruisce un rifugio, poi distrutto da coloro che lo braccano, poi un altro. Trova e scopre amici nuovi come il postino Piitisijarvi che, per lui, apre una buca delle lettere nel bosco e gli consegna giornali, lettere d'amore della consulente orticola ed un corso di formazione per corrispondenza. In cambio si fa aiutare a preparare la grappa fatta in casa da cui non può stare lontano.

La vita dell'eremita prosegue ma non è un vero e proprio eremitaggio: c'è il postino, c'è Happola che cerca di vendere per lui il mulino, c'è, soprattutto l'amore per consulente orticola.

Le autorità però lo vogliono rinchiudere in manicomio ed alla fine riescono a catturarlo. Così viene inviato, ammanettato alla locale guardia civica Portimo, di nuovo in manicomio.

Non ci arriverà mai, anzi, non ci arriveranno mai ma da allora una coppia formata da un lupo ed un cane imperveseranno per i boschi e per il villaggio...

Questa è solo, in sintesi, la trama di una grande novella romanzo che mettendo insieme una serie di situazioni, dettagli e personaggi surreali e stravaganti racconta un pezzo di Finlandia nel classico modo di Arto Paasilinna. Tanti dettagli, tante maestose descrizione dei boschi, dei lavori manuali, del cibo. Una storia d'amore lieve e divertente. Un pazzo un po' pazzo ed un po' saggio. La gente cattiva ma non così cattiva. Piacevolissimo.

Pubblicata su Ciao.it: 03/07/10
Pubblicata su Libri e Libretti:12/09/10

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails