Freddo sud

Freddo Sud di Liza Marklund
"Freddo Sud" è un altro prodotta della prolifica scrittrice svedese Liza Marklund, una vera e propria star del romanzo poliziesco.

Nel romanzo è, ancora una volta, protagonista la giornalista Annika Bengtzon del quotidiano svedese La Stampa della sera. Un personaggio fulcro di tutti i libri della scrittrice che, romanzo dopo romanzo, possaimo seguire non solo nelle sue inchieste giornalistiche e nelle sue indagini poliziesche ma anche nella vita privata.

La capacità della Marklund di raccontare storie molto dettagliate è notevole ma assolutamente straordinaria è la sua rigorosa descrizione del contesto in cui il racconto si svolge sicuramente frutto di ricerche approfondite e di conoscenza dirette dei luoghi, degli ambienti.

Questa capacità descrittiva si ritrova anche nella ricostruzione della vita quotidiana della protagonista dei suoi romanzi: Annika Bengtzon. Un personaggio diventato familiare ai lettori proprio per la costante attenzione che la Marklund dedica alla sua vita privata e lavorativa. Leggendo i vari romanzi infatti si può seguire Annika nelle varie fasi della sua vita sia personale che lavorativa senza che questo crei una scissione con la parte "gialla" del libro.

In "Freddo Sud" la giornalista viene inviata in Spagna, nella Costa del Sol, per un servizio sulla morte di Sebastian Söderström, famosissimo ex giocatore di hockey su ghiaccio, e di tutta la sua famiglia, sterminata in una "narco-rapina" con gas proprio sulla costa spagnola. Ovviamente Annika si butta sulla notizia con ostinazione e sagacia e mano a mano che la storia procede si scopriranno alcune o molte cose che trasformano una rapina andata male in una assai più complessa di vicenda che valica i confini spagnoli e si fonde con il riciclaggio di denaro sporco di Gibilterra e la droga del Marocco. 

Ovviamente la scrittrice non abbandona però il suo stile di scrittura ed insieme alle fosche vicende su cui la sua protagonista indaga racconta anche un altro pezzo della vita di Annika, lasciata dal marito per una donna più giovane e travolta da una crisi del giornale per cui lavora, senza far mancare qua e là qualche critica alla società svedese ed a quella spagnola.

La storia quindi si dipana abbastanza agevolmente tra un viaggio in Costa del Sol per scrivere gli articoli richiesti, una liaison con un poliziotto svedese che proprio là indaga sul traffico di droga con la madre patria, il ritorno in Svezia ed il ritorno ai problemi quotidiani, agli scontri con l'ex marito, alla cura dei figli, al lavoro di redazione sempre più svilito per poi proseguire con nuovo viaggio in Spagna e reincontrare in un contesto diverso il marito ma, soprattutto, svelare tutti i misteri.

Il romanzo è, come sempre, piacevole anche se, forse, la Marklund tende un po' ad esagerare nel citare fatti e creare collegamenti con personaggi raccontati nei suoi romanzi precedenti. Infatti a tratti, anche se si sono letti, ci si perde un po' nei riferimenti e richiami.

Pubblicata su Ciao.it: 30/05/12
Pubblicata su Libri e Libretti: 27/09/12

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails