La bella di Buenos Aires

La bella di Buenos Aires (Manuel Vázquez Montalbán)
Torna Carvalho e torna prepotentemente con una storia inedita, "La bella di Buenos Aires", a dieci anni dalla morte del suo autore Manuel Vazquez Montalban.

Il romanzo, se non erro, uscito in Spagna nel 1997 ma solo a puntate su El Pais, in 160 pagine ripropone non solo l'investigatore privato Pepe Carvalho ed il suo fedele "quasi" socio Biscuter ma anticipa anche un tema, quello della dittatura argentina e dei desaparecidos, che Manuel Vazquez Montalban svilupperà e farà affrontare a Carvalho nel libro successivo, ambientato proprio in Argentina, "Quintetto di Buenos Aires".

All'investigatore, tradizionale protagonista dei romanzi di Montalban, viene chiesto di ritrovare una bellissima ragazza argentina misteriosamente trasferitasi o fuggita dall'Argentina in Spagna vent'anni prima, dopo essere diventata famosa per essere stata proposta come protagonista della versione sudamericana del notissimo film erotico "Emanuelle" (da cui nasce l'assai più azzeccato e calzante titolo originale "La muchacha que pudo ser Emmanuelle").

La ricerca ha inizio e, subito, la polizia trova, in una stazione della metropolitana il cadavere di una barbona conosciuta come Pepita.

Non è che l'inizio di una lunga serie di misteri che toccherà a Carvalho, non senza l'aiuto di un Biscuter particolarmente dinamico ed innovativo, cercare di comprendere e risolvere.
Infatti, sebbene la Spagna e l'Argentina non siano più quelle di una volta restano forti le connessioni politiche, le protezioni e le connivenze degli apparati e dei sistemi che dovrebbero fare chiarezza ma che sembra, invece, che preferiscano limitarsi a trovare un capro espiatorio e coprire quanto accaduto nel presente e soprattutto nel passato.

Carvalho è quello di sempre. Disincantato ed affascinante, poco fiducioso nelle istituzioni ma fedele alla giustizia. Continua a bruciare i libri che ha letto nel suo camino e ad apprezzare il buon cibo che preferisce acquistare e cucinare personalmente o affidare all'altrettanto appassionato ed esperto Biscuter (ricordiamo che Montalban, gourmet lui stesso, ha anche pubblicato un dettagliato libro di ricette che illustra i piatti raccontati e cucinati nei romanzi che hanno Carvalho come protagonista).

Un bel libro che sa descrivere anche la trasformazione di Barcellona come città e come comunità. I locali tradizionali chiudono, i vecchi edifici vengono abbattuti subentra il design e la tecnologia e Montalban, attraverso Carvalho, fa trapelare un po' di nostalgia. 

Pubblicata su Ciao.it: 07/04/13
Pubblicata su Libri e Libretti: 23/06/13

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails