Il cappello di Mr Briggs ovvero il mistero della carrozza 69

Il cappello di Mr Briggs ovvero il mistero della carrozza 69 (Kate Colquhoun)
Il libro della giornalista Kate Colquhoun ha un titolo molto esplicativo: "Il cappello di Mr. Briggs ovvero il mistero della carrozza 69".

La Colquhoun, infatti, ci racconta della misteriosa morte di un alto dirigente di banca di Londra, Mr. Briggs, avvenuta su un treno nel 1864.

Il libro è, quindi, quello che tradizionalmente si potrebbe definire un "giallo". Definizione che però appare troppo limitante per un testo che spazia molto e tratta con molta cura e dovizia di particolari l'ambientazione storica e sociale del periodo in cui il delitto è avvenuto, che approfondisce nel dettaglio il contrasto ed anche le paure della modernizzazione crescente dell'epoca, che riporta le opinioni e gli articoli della stampa durante i giorni delle indagini e del processo, che ricostruisce minuziosamente tutte le varie fasi del processo, che fornisce un ampio spettro delle differenti opinioni e posizioni sulla pena di morte in quegli anni, oltre che raccontarne piu' di una.

"Il cappello di Mr. Briggs" è, indiscutibilmente, molto di più ed allo stesso tempo molto di meno di un semplice o tradizionale "giallo". E', probabilmente, più facile indicarlo come un vero e e proprio romanzo storico, quasi un saggio sulla società londinese di metà dell'Ottocento.

Ovviamente è anche la ricostruzione di un delitto, delle indagini che ne sono seguite, della caccia all'assassino o del presunto assassino in fuga verso l'America e del processo seguito alla sua cattura.

Il libro è interessante, scritto con grandissima cura e maniacale attenzione ai dettagli, ma non travolgente. La sua natura ibrida tra romanzo storico e giallo rende la lettura altalenante ed incerta. La parte storico - sociale, a tratti magnifica e piena di curiosità, si infrange ripetutamente contro la trama gialla che al contempo viene troppo spesso spezzata.

Personalmente ho trovato molto più interessanti le pagine relative al contesto storico - sociale (ad esempio quelle sui pericoli che l'avvento delle ferrovie e dei treni poteva portare secondo l'opinione dell'epoca o quelle sui romanzi "noir" - se cosi' si possono definire - di quegli anni) rispetto a quelle relative al processo che, nonostante l'impostazione da legal thriller moderno, erano a tratti noiose. 

Il libro, inoltre, propone un inserto centrale di fotografie d'epoca con personaggi e luoghi legati al delitto ed al processo. Peccato che svelino il finale con largo anticipo. Nulla di grave in saggio storico ma un errore in un romanzo che si vuole spingere come "giallo".

Pubblicata su Ciao.it: 18/06/13
Pubblicata su Libri e Libretti: 20/07/13


2 commenti:

  1. Ambientato dove in una Londra vittoriana?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prevalentemente nei quartieri degradati ed al porto ma anche nella city.

      Elimina

Related Posts with Thumbnails