Le solite sospette

Le solite sospette (John Niven)
Scorrono rapide le circa trecentocinquanta pagine del romanzo di John Niven "Le solite sospette". La storia surreale di Susan, Jill, Ethel e Julie strappa infatti più di una risata senza mai cadere nel becero e senza mai smettere di far trasparire anche un po' di amarezza.

Sono proprio Susan, Jill, Ethel e Julie, quattro pimpantissime donne tra i sessanta e gli ottanta, le protagoniste assolute a dominare la scena ma non sono da meno i co-protagonisti, in particolare i due poliziotti inglesi, il sergente Boscombe ed il suo assistente Wesley, che hanno un ruolo fondamentale nello sviluppo della storia e della sua comicità.

La trama è piuttosto semplice ed il romanzo ha uno sviluppo molto lineare, quasi da sceneggiatura cinematografica.

Per diversi motivi, tutti molto seri, tristi e preoccupanti (anche se in alcuni casi bizzarri) Susan, Jill, Ethel e Julie si trovano in un momento di crisi profonda della loro vita e, soprattutto, con la necessità impellente, di procurarsi del denaro.

Nasce l'idea assurda di una rapina che, con l'aiuto di un ex rapinatore ottuagenario molto mal messo (dallo spettacolare nome di Stimmate), prende corpo in un'ancora più assurda azione reale.

Ovviamente c'è un intoppo, anzi, molti intoppi tra cui la presenza al momento della rapina di due poliziotti (Boscombe e Wesley) e la rapina si trasforma in un inseguimento ed una caccia all'uomo, anzi alle anziane donne che travalica i confini inglesi e... in qualche modo si conclude ma n quale esattamente lasciamo scoprire a chi avrà la voglia di dedicarsi alla lettura.

Certo il romanzo è leggerino anche se, come già detto, non privo nella parte inziale di una certa critica sociale ma è ben scritto, ben strutturato e soprattutto con dei passagi assolutamente esilaranti.

Semplice, scorrevole, allegro. Ennesima buona prova per Niven che ha nel curriculum un paio di romanzi dello stesso genere e probabilmente migliori di questo.

Non è imperdibile ma assolutamente leggibile.

Pubblicata su Ciao.it: 08/01/17
Pubblicata su Libri e Libretti: 22/04/17


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails